top of page

NEWS

  • Finnovationsrl

INCENTIVI PER LA TRANSIZIONE 4.0 E VERSO L’ECONOMIA CIRCOLARE

Aggiornamento: 14 apr 2022

La presente misura ha l’obiettivo di sostenere investimenti innovativi e sostenibili volti a favorire, in particolare, la trasformazione tecnologica e digitale, la transizione verso il paradigma dell’economia circolare e la sostenibilità energetica.

I destinatari sono le micro, piccole e medie imprese italiane iscritte nel registro delle imprese, che dispongano già di almeno due bilanci depositati (ovvero due dichiarazioni dei redditi in caso di imprese non tenute al deposito del bilancio), operanti nei settori:

• Manifatturiero

• Dei servizi alle imprese

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti a copertura di una percentuale nominale massima delle spese ammissibili determinata come segue:



I progetti devono prevedere la realizzazione di investimenti innovativi, sostenibili e con contenuto tecnologico elevato e coerente al piano nazionale Transizione 4.0 in grado di aumentare il livello di efficienza e di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica dell’impresa. I programmi di investimento ammissibili devono:

  • prevedere l’utilizzo delle tecnologie abilitanti afferenti al piano Transizione 4.0

  • essere diretti all’ampliamento della capacità, alla diversificazione della produzione funzionale a ottenere prodotti mai fabbricati in precedenza o al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un’unità produttiva esistente ovvero alla realizzazione di una nuova unità produttiva;

  • essere realizzati presso un’unità produttiva localizzata nel territorio nazionale e nella disponibilità dell’impresa alla data di presentazione della domanda di agevolazione, fatta eccezione per i programmi diretti alla realizzazione di una nuova unità produttiva, nonché per i programmi realizzati da imprese non residenti nel territorio italiano, per i quali l’impresa interessata deve dimostrare la predetta disponibilità alla data di presentazione della prima richiesta di erogazione delle agevolazioni;

  • essere avviati successivamente alla data di presentazione delle domanda;

  • avere un tempo di realizzazione non superiore a 12 mesi a partire dalla data di ammissione allo strumento agevolativo.

È prevista una primalità per i progetti caratterizzati da un particolare contenuto di sostenibilità.


Le spese ammissibili riguardano:


a. macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica;

b. opere murarie;

c. programmi informatici e licenze;

d. acquisizione di certificazioni ambientali;

e. per i programmi caratterizzati da un particolare contenuto di sostenibilità sono altresì ammesse le spese di consulenza dirette alla definizione della diagnosi energetica, nel limite del 3% dell’importo complessivo ammissibile (se la diagnosi non risulta essere un adempimento obbligatorio per legge).


APERTURA: 18 maggio 2022


CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI!


bottom of page